<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=952139031809568&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Per la Regina delle Langhe una scelta bio

Quando, sei anni fa, Gian Franco Cavallotto decise di rendere concreta – dopo una vita spesa in ambito assicurativo – una sua grande passione, quella per la terra, stabilì che la sua azienda avrebbe dovuto avere un elemento distintivo molto forte: il biologico unito all’innovazione. Con questo spirito è nata Altalanga Azienda Agricola, 55 ettari (per circa 24 mila piante) adibiti a noccioleto. “Veniamo annoverati, nel territorio -spiega il titolare- come la prima azienda di dimensioni rilevanti che può vantare tutta la filiera, dalla pianta al prodotto finito, completamente bio. Occorre ricordare che la nostra nocciola è un’eccellenza tra le eccellenze, potendo esplicitare, come da recente cambiamento del disciplinare, la menzione ‘Nocciola Piemonte Igp Langhe’, che indica la specificità e qualità di una referenza che, grazie al terroir e al microclima, rappresenta un unicum per sapori e aromi; peraltro, per rendere ancora più distintiva la produzione, noi abbiamo anche scelto di essiccare le nocciole al sole”.

Focus: il mercato estero

Altalanga Azienda Agricola propone diverse referenze (nocciole tostate, praline, crema spalmabile, pasta per gelati, torroncini, torte, brut&bon, tartufi dolci); prodotto di punta è la Nocciola Tostata.

“Abbiamo scelto – stante un mercato italiano ancora poco sensibile al concetto di biologico – di rivolgerci a quello straniero, che ci sta dando grandi soddisfazioni. La maggior parte del fatturato, circa il 70%, proviene dall’export, in particolare da Germania, Francia, Belgio, Olanda, Svizzera, Paesi in cui serviamo il canale Horeca”. Per quanto riguarda l’Italia, i prodotti possono essere acquistati o presso i rivenditori di alto livello, o direttamente tramite l’e-commerce su https://altalangaaziendaagricola.it oppure presso il punto di vendita di Alba, che ospita anche il laboratorio di trasformazione. “Volendo rimanere ‘nicchia nella nicchia’, preferiamo non affrontare il canale della grande distribuzione, ma lavorare sull’educazione culturale – a tema bio - dei dettaglianti, i primi ambasciatori nei confronti del consumatore finale”.

Altalanga Azienda Agricola parteciperà alla prima edizione, la prossima primavera, di B/Open, l’evento b2b sulla filiera bio food e natural self-care organizzato da Veronafiere. “Finalmente -precisa Cavallotto- anche l’Italia esprime un evento di qualità dedicato al biologico e sono certo che avremo modo, in questo contesto, di parlare e raccontare diffusamente il mondo della Nocciola Piemonte Igp Langhe. Allo stesso tempo sono convinto che la fiera diventerà un punto di riferimento importante: l’attenzione nei confronti della salute del pianeta e dell’impegno nei confronti di una agricoltura sostenibile non potranno che crescere, nei prossimi anni”.