Il settore cartotecnico guarda al Bio

Scatole, astucci, espositori, card, figurine, cataloghi, leaflet e altre soluzioni, realizzate su supporto cartaceo, in Pvc, Pet: questo è il mondo di soluzioni visive e di immagini per le aziende che propone Ilc, Industria Litografica Cartotecnica.

La realtà di Lainate, in provincia di Milano, da anni ha posto una particolare attenzione nei confronti della sostenibilità ambientale. Dalle materie prime ai processi produttivi, Ilc ha cercato di porre in essere comportamenti virtuosi, che l’hanno spinta a ottenere la certificazione Fsc. Sempre attenta alla riduzione dei costi superflui, ha brevettato un espositore compatto in grado di ottimizzare sempre più le risorse (tra cui la riduzione dei costi di trasporto) e l’utilizzo di compensatori di polistirolo o cartone che spesso si usano per ridurre gli spazi vuoti che si creano tra la scatola di imballo e l’espositore completo di prodotto, riducendo così i volumi vuoti.

 

Come si comunica un impegno “green”?

A questo primo passo ne stanno seguendo, in questi mesi, altri. Come si vedrà, tra le tante specializzazioni, Ilc è attiva anche nelle lavorazioni di imballaggi a contatto alimentare. Questo l’ha condotta a intraprendere l’iter di certificazione Bio. “Riteniamo -spiega il management- che il trend riguardante i prodotti con certificazione Bio sia in crescita, da qui la necessità di proporsi ai clienti che operano in questo mercato per garantire una corretta e rigorosa filiera dei controlli. Crediamo fortemente in questa certificazione, in quanto molto seria e controllata dagli organi competenti”.

Il viaggio verso la sostenibilità non si ferma qui, ma incrocia l’impegno di Industria Litografica Cartotecnica nei confronti della comunicazione ai propri clienti non solo delle soluzioni, ma anche di questa visione particolarmente attenta al rispetto dell’ambiente. “Dopo la decisione di attivare l’iter per la certificazione Bio -raccontano sempre dal management- con sorpresa siamo venuti a conoscenza della fiera di settore B/Open 2020 e abbiamo immediatamente deciso di parteciparvi, per dare maggior risalto alla strada intrapresa, e con l’obiettivo di valorizzare la nostra immagine associata a questo nuovo scenario di mercato”.