<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=952139031809568&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Il 90% di plastica in meno con i detersivi sfusi: la parola a Greenatural

Quale impatto ha avuto il lockdown sulla vostra produzione?

L’impatto del lockdown è stato principalmente organizzativo, in quanto abbiamo dovuto ripensare alla gestione del lavoro spostando parte del personale in smartworking. Inoltre, la riduzione di alcune filiere produttive e le difficoltà nelle consegne hanno reso più difficile il lavoro ordinario.

La nostra clientela, principalmente costituita da negozi indipendenti, rientrava fra le categorie che poteva proseguire la propria attività, pertanto il calo delle vendite che abbiamo riscontrato è stato contenuto.

 

La vostra azienda produce detergenti che vengono distribuiti in maniera sfusa. Quali vantaggi comporta questo tipo di distribuzione in termini di impatto sull’ambiente?

La fase di studio del progetto di vendita sfusa ci ha permesso di valutare ogni singolo dettaglio per massimizzare l'impatto ambientale. Con la vendita tramite le bag in box si hanno numerosi vantaggi: il cliente finale ha la possibilità di riutilizzare i propri flaconi mentre il negoziante, una volta svuotate le sacche delle bag in box, le può riciclare. Questo sistema evita viavai per il ritiro di contenitori vuoti, facilitando la gestione nel punto vendita. Considerando tutta la filiera il risparmio è di oltre il 90% di plastica. Inoltre, si possono raggiungere rivenditori sempre più distanti. In questo momento i nostri espositori per la vendita di sfuso si possono trovare non solo in Italia, ma anche in Europa.

 

In questo periodo è cresciuto l’utilizzo dei prodotti detergenti ad azione antibatterica. Come si concilia questa funzione con l’utilizzo di ingredienti naturali?

La richiesta di prodotti che svolgono funzioni antibatteriche è molto alta. Noi siamo andati alla ricerca di soluzioni con ingredienti naturali e per questo abbiamo sviluppato una linea per la protezione antibatterica delle superfici basata sulla tecnologia agli ioni d'argento, già usata in medicina e nelle applicazioni sanitarie.

La protezione antibatterica è misurata secondo lo standard qualitativo ISO 22196 che è un metodo di verifica progettato per testare quantitativamente la capacità di inibire la crescita di microrganismi (batteriostatici) o di ucciderli (battericida).
L’agente antimicrobico si lega alla parete cellulare del microrganismo (batterio, fungo o muffa) e ne interrompe la crescita, interferendo con la produzione di enzimi e fermando la produzione di energia necessaria per la vita del microrganismo stesso.

 

Quali sono le proprietà dell’avena biologica che sta alla base dei prodotti a marchio NeBiolina?

L’avena biologica da cui deriva l’estratto utilizzato da NeBiolina viene appositamente coltivata per questo marchio a  ‘Ca’ dei Fiori’, una fattoria biodinamica sull’Appennino tosco-emiliano famosa in tutto il mondo per le sue particolari pratiche agronomiche. Gli standard qualitativi conseguiti vanno ben al di là di quelli semplicemente necessari per la certificazione ‘Bio’. L’assoluta eccellenza di tale materia prima consente di esaltare tutte le proprietà dermocosmetiche dell’avena, supportate da una lunga serie di evidenze scientifiche sempre più vaste e approfondite. I componenti dell’avena sui quali si sono concentrate le ricerche nel corso degli ultimi anni sono i Beta-Glucani e le Avenantramidi. I primi hanno rivelato proprietà lenitive, idratanti e anti-età estremamente interessanti. I secondi hanno dimostrato di svolgere una efficace azione protettiva/anti-irritante della pelle già a partire da bassissimi livelli di concentrazione. L’insieme delle proprietà eudermiche dell’avena, indicate specificamente anche per pelli sensibili, ha fatto sì che proprio l’avena sia stata autorevolmente inserita dalla Food and Drug Administration nel ristrettissimo novero degli ingredienti naturali cui è riconosciuta una comprovata azione di protezione della pelle.